Modena-Parma: buon pareggio, la squadra esce tra gli applausi

Modena-Parma: buon pareggio, la squadra esce tra gli applausi

Buona la prima dei canarini, il match finisce sullo 0-0. Cinquemila spettatori paganti, buona parte dell’incasso sarà devoluto alle popolazioni colpite dal sisma.

Dal debutto casalingo di ieri il Modena aveva solamente da perdere, perchè il nostro avversario, il Parma, è considerato la corazzata del girone, ma davanti a loro gli uomini di mister Pavan non hanno minimamente sfigurato anzi, le azioni per sbloccare la partita sono state tutte canarine. Per fermare il Parma i gialloblù hanno messo in campo tutto, e lo hanno capito anche i tifosi, il nuovo gruppo curva “Quei bravi ragazzi” ha applaudito la squadra a partita conclusa. Gli ospiti, come il Modena, sono ancora in rodaggio e le loro punte di diamante non sono riuscite ad emergere, Calaiò che per questa categoria è un lusso non si è praticamente mai visto. Bisogna dare a Cesare quello che è di Cesare, e riconoscere  l’ottima prestazione del Modena, anche se c’è ancora tanto da lavorare. I canarini sono scesi in campo confermando il 4-3-1-2 delle amichevoli precampionato, le uniche novità in attacco con Ravasi e Loi titolari, causa la squalifica di Tulissi e la panchina precauzionale di Diakite. La difesa, dopo essere stata messa in discussione nel corso delle amichevoli, ieri ha convinto: per Manfredini una giornata tutto sommato tranquilla, grazie anche all’ottima prova dei compagni di reparto, Marino su tutti ha dato sicurezza e ha dimostrato di essere un acquisto niente male per la categoria. Aldrovandi nonostante qualche incertezza iniziale, soprattutto nel secondo tempo si è fatto valere, per i due terzini Calapai e Pupescu partita di contenimento. Buona la prima per Olivera che dopo una stagione ai margini ieri si è fatto protagonista, sopratutto nel primo tempo, di importanti azioni che hanno intimorito la porta di Zommers, prima al 15′ poi al 41′ si divora infatti il goal del vantaggio. Dopo le partenze di Doninelli e quella che arriverà di qui a poco di Osuji, il centrocampo visto ieri diventerà quello titolare, Giorico di una qualità indiscussa, e dei tre a convincere meno sicuramente è stato Salifu. Per quel che riguarda l’attacco il giudizio è rinviato alla prossima partita quando Tulissi ritornerà a disposizione, Schiavi in linea con le amichevoli si è confermato una pedina indispensabile di questa squadra, anche se ieri è mancata complicità con gli altri due compagni di reparto, tutto sommato per lui una buona prestazione. Ravasi è apparso ancora acerbo per la categoria, per lui il probabile destino è quello di subentrare a gara in corso, mentre a Loi che rientra da un infortunio bisogna dare del tempo per vederlo al top. Da domani intanto sarà a disposizione di mister Pavan il nuovo attaccante canarino Balint Bajner, ungherese classe 1990 alto 1.94 che ha già avuto esperienza nel calcio italiano nel Sulmona in Eccellenza. Una presenza molto utile all’interno di una squadra fisicamente non molto forte, sopperendo così alla mancanza di centimetri sopratutto da centrocampo, gioverà sopratutto nel momento in cui venuto l’inverno i campi si faranno pesanti.Restano a Pavarese solamente tre giorni di mercato per gli ultimi colpi, e per rinforzare la squadra si parla anche dell’arrivo del centrocampista classe 84′ Simon Lander attualmente al Verona.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy