Modena-FeralpiSalò, le pagelle dei gialloblu

Modena-FeralpiSalò, le pagelle dei gialloblu

Grande vittoria per i canarini, che si impongono con un netto 4-1 contro la FeralpiSalò. In stato di grazia Popescu e Basso, mentre invece l’attacco continua a far fatica (strano dirlo dopo quattro gol…). Neanche l’esperimento Besea è riuscito a portare una sufficiente pericolosità. Bisognerà intervenire sul mercato per colmare questa lacuna.

Commenta per primo!

Manfredini 6: non perfetto in occasione del gol della Feralpi, ma non sono sue le responsabilità maggiori. Per il resto della gara è impeccabile e dà grande sicurezza alla difesa.

Accardi 6: partecipa al pasticcio collettivo della difesa nel momentaneo pareggio ospite, ma poi si riscatta e gioca una gara di personalità e solidità.

Cossentino 6,5: i suoi centimetri si dimostrano preziosi in una gara in cui il pallone si gioca poco a terra.

Popescu 7,5: sblocca il risultato con una punizione fortunosa, ma il secondo gol, quello che mette in ghiaccio la partita, è un vero capolavoro. Anche in difesa si dimostra sicuro è affidabile.

Basso 8: Capuano lo ha spostato da ala a esterno di centrocampo, dandogli in mano le chiavi della fascia destra. Il risultato è la rinascita del giocatore ex Trapani, che ora garantisce ottima copertura e imprevedibilità in fase offensiva. La doppietta è solo l’esempio più lampante della pericolosità che ha acquisito con il cambio di tecnico.

Remedi 7: una rondine non fa primavera, ma senza dubbio il suo debutto ha lasciato un’ottima impressione. Sembra essere la mezzala che mancava al Modena. Tanta corsa e un filtrante stupendo per il primo gol di Basso. Esce tra gli applausi. (dal 90′ Olivera sv)

Giorico 6,5: da quando intorno a lui trova più movimento e più partecipazione all’azione, il metronomo gialloblu non stecca una partita. Anche oggi tanti palloni recuperati e gestiti in maniera intelligente.

Laner 6: è lui a sbagliare il disimpegno che porta al gol degli avversari, ma il resto della partita è pienamente sufficiente e appare anche in crescita dal punto di vista fisico.

Minarini 6: le sue caratteristiche prettamente difensive bilanciano quelle ben più offensive di Basso sull’altra fascia. Si spinge raramente in avanti ma è sicuro dietro.

Besea 5: viene provato seconda punta ma dimostra di non avere le qualità per giocare in quel ruolo. Troppi errori sottorete e nella gestione dei contropiedi fanno infuriare Capuano che lo sostituisce. (dal 70′ Loi 6: entra con il Modena che deve difendere il risultato e provare a colpire in contropiede. Fa il suo e contribuisce alla netta vittoria finale)

Diakitè sv: era entrato con il piglio giusto e aveva messo in difficoltà la difesa ospite in un paio di occasioni, ma poi è stato costretto a uscire al 18′ per uno scontro di gioco (dal 18′ Ravasi 5: semplicemente non è un attaccante da Modena, e lo dimostra il fatto che non riesce né a tirare né a tenere il pallone)

All. Capuano 8: gli attaccanti non segnano? Lui risponde schierando una squadra in cui gli inserimenti dei difensori e dei centrocampisti possano fare la differenza. Nel suo 3-5-1-1 diversi giocatori sono rinati, a cominciare dai marcatori di oggi. Il risultato è che, in 6 partite di “cura Eziolino”, il Modena ha segnato più gol che nelle precedenti 15 della gestione Pavan. Aveva preso in mano a novembre una squadra sfiduciata, con un pubblico distaccato, e ha riportato grande entusiasmo. Almeno sul campo i tifosi possono essere ottimisti sulle sorti del Modena Calcio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy