Capuano: “Il Bassano è forte, ma anche la mia squadra. Da quando sono arrivato abbiamo una media da playoff”

Capuano: “Il Bassano è forte, ma anche la mia squadra. Da quando sono arrivato abbiamo una media da playoff”

Le parole del tecnico canarino Eziolino Capuano in vista del match di domani in trasferta a Bassano.

“Affrontiamo queste due trasferte consecutive consci del processo di crescita che questa squadra sta avendo, siamo una buona rosa e stiamo recuperando giocatori fuori da tempo, Diakite un giocatore per noi  molto importante, tra qualche settimana poi rivedremo Marino, siamo contenti e convinti anche se il cammino è lungo. Le prestazioni fuori ci sono sempre state, speriamo di portare a casa un risultato positivo, stiamo lavorando tantissimo, non sempre in trasferta abbiamo ottenuto quanto meritavamo. Domani affrontiamo una squadra ferita dall’ultima prestazione, il cui risultato non è veritiero perché vedendo la partita ho potuto costatare che è una squadra valida il Bassano e allenata molto bene. E’ una squadra forte con quaranta punti, partita per fare bene, noi siamo una squadra in ripresa, nel calcio parlano i numeri, da quando sono arrivato abbiamo una media playoff eppure fuori casa non stiamo facendo bene. Dobbiamo fare punti da un anno e mezzo i risultati fuori casa del Modena sono catastrofici, quando i risultati sono negativi purtroppo viene difficile fare bene, rivedendo le mie partite fuori casa abbiamo giocato a viso aperto con tutti, con un piccolo di presunzione forse, perché è la mia filosofia di gioco di andare sempre a cercare palla in avanti e di non fare mai partite in difesa. Parto da presupposto che preferisco correre in avanti piuttosto che indietro, molti allenatori la pensano i maniera diversa, ma per un dispendio organico per me è molto meglio così, fossimo stati meno presuntuosi e meno belli, siamo andati a Reggio e Mantova dominando, quindi quello che vi dico, come dico sempre ai miei ragazzi è ripetiamo quelle prestazioni e sicuramente faremo bene. La gestione della sconfitta è facilissima da gestire, è molto più difficile gestire una vittoria, soprattutto perchè questa ci ha permesso di uscire dopo tanto tempo dai playout, la sconfitta ti porta più timore, penso sempre di essere me stesso in entrambi i risultati, personalmente non riesco ad accettare la sconfitta, ed è per questo che ho fatto lavorare ancora di più i ragazzi. Conosco bene il Bassano sia come valore dei singoli che il valore di squadra, loro sono forti, ma anche noi siamo una squadra forte.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy