Modena, Caliendo risponde al Comune: “Contratto assurdo”

Modena, Caliendo risponde al Comune: “Contratto assurdo”

Ecco la risposta di Antonio Caliendo alla richiesta di spiegazioni da parte del Comune

Caliendo

Dopo la richiesta di spiegazioni da parte del Comune alla proprietà del Modena che continua a non pagare le rate del mutuo arretrate, l’Amministratore Unico Antonio Caliendo ha risposto con un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club, chiedendo di modificare il rapporto tra società, stadio e Comune in modo da poter pagare un affitto per le partite disputate e non più costi di gestione troppo onerosi che possono compromettere additittura il rendimento della squadra per le difficoltà di agire sul mercato. Di seguito il comunicato ufficiale così come pubblicato:

“Il Modena Football Club in relazione alle affermazioni anche di recente divulgate dall’amministrazione comunale ritiene opportuno chiarire alcuni fatti:

1) Il Modena Football Club è l’unica società in Italia iscritta al campionato di Lega Pro e prima di Serie B che sulla base di un assurdo contratto è costretta a farsi carico di tutti i costi di gestione dello Stadio.

2) A tale titolo nel corso dell’ultimo triennio ha sostenuto costi di gestione per la stagione 2013/14 pari ad E. 1.270.376.38 , per la stagione sportiva 2014/15 – 2015/2016 per circa Euro 850.000,00 il tutto oltre ad Euro 379.000,00 per oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria.

3) Detti enormi oneri complessivamente pari a Euro 2,5 milioni impediscono alla Società di compiere adeguate acquisizioni di giocatori e ne compromettono la stessa solidità patrimoniale.

4) Tutte le amministrazioni comunali delle città italiane ospitanti squadre iscritte a Lega Pro e Serie B si fanno integralmente carico dei costi di gestione dello Stadio per consentire la sopravvivenza dei Clubs.

5) Il Modena Football Club intende impegnarsi ulteriormente nell’acquisto di nuovi giocatori per rinforzare nell’immediatezza la squadra e per poter riportare il Modena in Serie B. Allo scopo è necessario che l’ amministrazione comunale proceda a riprendere in gestione diretta lo Stadio concordando con il Modena Football Club un canone locatizio per ogni partita in linea con quelli praticati nel mercato.

6) In assenza di detta assolutamente ragionevole disponibilità risulterà assai difficile per la Società dar corso agli opportuni investimenti.

Si resta in attesa di una convocazione ufficiale da parte del sindaco per definire i termini del nuovo accordo che verrà comunicato ai tifosi e alla Città cosi come verranno comunicati risposte e riscontri a questo comunicato a valere come formale richiesta.

Amministratore Unico – Antonio Caliendo”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy