Crespo: “Il Bari? Una corazzata”

Crespo: “Il Bari? Una corazzata”

Hernan Crespo, tecnico del Modena, in conferenza stampa ha parlato del momento che sta vivendo la formazione gialloblù.

Il Modena domani pomeriggio affronta il Bari in un match decisivo per il futuro del mister Hernan Crespo. Il tecnico gialloblù ha parlato questo pomeriggio del momento che sta vivendo la squadra emiliana: “Quando sono con le spalle al muro sta alla dirigenza stabilirlo, di certo questa situazione non piace a nessuno. Domani affrontiamo una corazzata e questo non aiuta, sono comunque fiducioso perchè il calcio è uno sport particolare dove non c’è nulla di scontato, il Como insegna in questo senso. La gara di Perugia mi ha lasciato l’amaro in bocca per quanto concerne il primo tempo, abbiamo corso tanto e male, eravamo sempre in ritardo sugli avversari e questo nel calcio si paga. Nella ripresa, senza fare niente di straordinario, abbiamo cambiato atteggiamento e creato due occasioni importanti., dobbiamo ripartire da qui. L’atteggiamento è fondamentale, in ogni singola gara bisogna essere pronti ad andare sul pallone, mi aspetto che questa squadra possa dare di più dal punto di vista del gioco. Non concepisco come una squadra che si deve salvare possa sbagliare l’approccio alla partita, è una cosa che non accetto ma non mi piace fare il vigile, ritengo che i giocatori non ne abbiano bisogno, devono essere in grado di capire da soli le situazioni di gioco in campo e di di conseguenza decidere che cosa fare”. Il Modena nelle ultime tre trasferte ha subito gol nei primi otto minuti di gioco, il tecnico gialloblù ha dato la seguente spiegazione: “Non siamo stati bravi nella lettura delle situazioni, a Cagliari abbiamo commesso un errore che può capitare in qualsiasi momento della gara, a Trapani c’è stato un errore di valutazione di Gozzi e di Cionek, a Perugia abbiamo commesso una serie di errori consecutivi, a partire da Nizzetto che non va a pressare con i tempi giusti. Se sbagli i tempi poi diventa tutto più difficile, il gol subito a Perugia è l’emblema del momento della squadra che non sta facendo le cose in maniera corrette, Belingheri non ha stretto la sua posizione e dentro all’area Gozzi, Cionek e Giorico hanno marcato male l’avversario. Tutti questi problemi dobbiamo risolverli per poter essere una squadra migliore, si tratta di cose dette e stradette, non è possibile continuare a ripetere sempre gli stessi errori. Anche se non è presente fisicamente, Caliendo lo sento spesso, anche lui si augura che le cose possano cambiare in meglio al più presto”. Cionek nelle ultime partite sta commettendo una serie di errori non da lui: “Cionek ci dà sempre una grossa mano ed è un giocatore che spesso rischia la giocata perchè questo è nelle sue corde. Ultimamente sta commettendo degli errori non da giocatore che vuole andare all’Europeo, sembra quasi che sia distratto da altro, quando invece deve solo pensare a giocare a calcio  e a marcare il suo uomo. Io non discuto un giocatore se sbaglia dal punto di vista tecnico, se sbaglia un passaggio non succede niente, mi arrabbio quando vedo che vengono commessi da troppo tempo gli stessi errori”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy